fbpx
Quando diciamo ai nostri clienti che bere tanta acqua li aiuterebbe ad alleviare tanti piccoli fastidi quotidiani, la risposta è quasi sempre del tipo: non mi va, non riesco, quando fa freddo non me ne ricordo.
Invece, anche se può sembrare paradossale, è proprio in inverno che rischiamo di disidratarci, perché avvertiamo meno lo stimolo della sete, ma nello stesso tempo passiamo più tempo al chiuso e in ambienti spesso resi più secchi dai sistemi di riscaldamento.
Quale migliore occasione per presentarvi AquaClock?
La particolarità di questa app è che permette di inserire dati personali quali età, sesso, peso, altezza, tipo di lavoro, attività fisica svolta durante la settimana, orari dei pasti principali.
Non solo: ti geolocalizza e usa le temperature medie del posto in cui vivi. In questo modo, riesce ad adattare il fabbisogno giornaliero di acqua proprio a te, nel posto e nel periodo dell’anno in cui ti trovi. Io per esempio oggi:
Come la maggior parte delle altre app di questo tipo, anche AquaClock permette di impostare degli alert con una suoneria personalizzata, ma sempre acquosa [cane che beve, cascate, sirena dei pompieri sono solo alcuni esempi!].
Corri a bere un bel bicchiere d’acqua, ma prima, se questo post ti è piaciuto, condividilo!
[Gli screenshot sono tratti dalla scheda della app, tranne l’ultimo che è il mio!]